Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

211. La voce della coscenza

 

Conosco un signore

di Monza o di Cosenza

che si vanta di dar retta

alla “voce della coscienza”.

 

Il guaio, con questo signore

di Busto o di Forlì,

è che alla sua “coscienza”

manca una piccola “i”.

 

Se lui ruba, lei lo loda.

Se lui fa il prepotente

lei gli manda un telegramma:

-Mi congratulo vivamente.

 

Lui infila più bugie

Che aghi su un pino?

lei subito applaude:

-Bravo, prendi un bacino.

 

E dovreste sentire

quel tale cosa dice:

-Sono in pace con la coscienza,

perciò sono felice!

 

Ho provato ad avvertirlo,

insomma a fargli capire

e una “coscienza” simile

è inutile starla a sentire.

 

Lui però mi ha risposto:

-Andiamo! Per una “i”!-

quel bravo signore

di Bari o Mondovì.