Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

22. I 12 mesi

Gennaio, gennaio,

il primo giorno è il più gaio,

è fatto solo di speranza:

chi ne ha tanta, vive abbastanza.

 

Febbraio viene a portare la vite

con le dita intirizzite:

è senza guanti ed ha i geloni

e un buco negli zoccoloni.

 

Marzo pazzo e cuorcontento

si sveglia un mattino pieno di vento:

la prima rondine arriva stasera

con l’espresso della primavera.

 

Aprile tosatore

porta la lana al vecchio pastore

spoglia la pecora e l’agnello

per farti un berretto ed un mantello.

 

Maggio viene ardito e bello

con un garofano all’occhiello,

con tante bandiere nel cielo d’oro

per la festa del lavoro.

 

Giugno, invece, è falciatore;

il fieno manda un dolce odore,

in alto l’allodola vola,

il bidello chiude la scuola.

 

Luglio miete il grano biondo,

la mano è stanca, il cuore è giocoso

Canta il cuculo tra le foglie:

c’è chi lavora e mai raccoglie.

 

Agosto batte il grano nell’aia,

gonfia i sacchi, empie le staia:

c’è tanta farina al mondo…perché

un po’ di pane per tutti non c’è?

 

Settembre settembrino,

matura l’uva e si fa il vino,

matura l’uva moscatella:

scolaro, prepara la cartella!

 

Ottobre seminatore:

in terra il seme sogna il fiore,

sotterra il buio germogliosa

che il sole domani lo scalderà.

 

Novembre legnaiolo

va nei boschi solo solo,

c’è l’ultima foglia a un albero in vetta

e cade al primo colpo d’accetta.

 

Vien dicembre lieve lieve,

si fa la battaglia a palle di neve:

il fantoccio crolla a terra

e così cade chi vuole la guerra!