Questo sito utilizza dei cookies interni per il funzionamento del sito. Continuando la navigazione accetti la policy sui cookies.
In caso contrario, ti invitiamo ad abbandonare la navigazione di questo sito.

Le fiabe e le filastrocche di Saltabanco

La raccolta di fiabe e filastrocche di Saltabanco.
Ogni giorno (o quasi) una fiaba o una filastrocca. Potete vedere anche nell'area documentale, qui.
Buon divertimento!

Tutte le filastrocche qui raccolte sono state inventate da Saltabanco o raccolte tra quelle più belle di diversi autori, nel corso degli anni. Saltabanco è a disposizione di chiunque volesse qualche informazione o chiarimento in più.

271. La E' che spiega-La E che unisce

Della E ho scoperto che

cambia senso e sai perché?

Se un cappello in testa ha

lei mi dice dove sta

il soggetto o cosa fa:

È caduto? È scivolato?

O addirittura se n’è andato.

Sa spiegarmi che cos’è

o sa dirmi lui chi è.

Se il cappello poi sparisce

questa E invece unisce;

mette insieme e fa felici

due bambini, due amici.

272. Lo squalo Pasquale

Di sicuro più di un quintale

era il peso dello squalo Pasquale

e così, quando nuotava,

lui nell’acqua ci affogava.

Lo vide dall’alto un aquilone

poco più grande del tuo quadernone,

che a Pasquale lì per lì

questo consiglio suggerì:

batti le pinne cinque o sei volte,

fai quattro salti, ma uno alla volta,

fuori dall’acqua una capovolta,

quaranta flessioni, ma una alla volta.

Fai tutto questo per un quadrimestre,

fingi di essere in un circo equestre.

Fu da allora che Pasquale,

che si sa pesava un quintale,

più leggero è diventato.

Dimagrito, più apprezzato

e per questo ricercato

quanto un quadro raffinato.

273. In un paese di questo mondo

In un paese di questo mondo

ogni giorno si fa un girotondo.

Girano insieme tutti i bambini,

girano svelti muovendo i piedini

e fanno cerchio per l’allegria,

cantano e passano per ogni via;

ne fanno un altro unendo le mani,

pensando ai bimbi tanto lontani.

Stando vicini, girando la terra,

da ogni paese scaccian la guerra.

Sono bambini e ci credon davvero

perché hanno un cuore ancora sincero.

274. I delfini

I delfini,

sono simpatici e carini.

Alcuni sono birichini.

Hanno un muso,

alcune volte è un po' confuso,

ma i delfini sono gli animali

super gettonati.

275. Un coniglio con il figlio

Un coniglio con il figlio,

passeggiando sotto un tiglio

ha scoperto un nascondiglio

rovistando tra le foglie.

Ha trovato lì sua moglie

che, cercando il suo ventaglio,

spaventata fu da un ragno

e ha aspettato lì da luglio

proprio dentro quel cespuglio.

276. Cade giù la gialla foglia

Cade giù la gialla foglia

che di certo non ha voglia

di finire poi in poltiglia.

Si trasforma in una biglia

e poi gioca con mio figlio

che la tira e la ripiglia;

cambia ancora identità

e una triglia diventerà.

Dopo un po’ è una conchiglia

ancorata su uno scoglio.

Figlio, foglia, biglia, triglia,

ma cos’è 'sto parapiglia?

Di giocar non ho più voglia.

277. Gocciolina

In ciabatte, ciondolando,

Gocciolina va volando.

La cattura un nuvolone

in un cielo tutto arancione.

Gocciolina non è contenta,

cosa c’è che la spaventa?

Strette, strette in un abbraccio

tante gocce come da un laccio:

cozzano, spingono e per di più

litigando cadono giù.

278. Ninnananna gastronomica

Raviolino con la panna,

su, da bravo, fa la nanna.

 

Se tu chiudi i begli occhioni

ti preparo i cannelloni,

 

timballini di fusilli

per dormir sonni tranquilli,

 

tagliolini paglia e fieno,

che il risveglio sia sereno.

 

E se arriva un sogno brutto?

Tortellini col prosciutto!

279. Finalmente è natale

In un giorno speciale

arriva Babbo Natale.

Arriva a mezzanotte

e ci dà la buonanotte.

Porta tanti regalini,

pupazzetti e cagnolini.

Qualche volta l'alberello

è a forma di castello.

È riempito di palline

e ha intorno tre bambine

che giocano felici

con tanti loro amici.

Il Natale è proprio bello:

è il nostro caro fratello!

 

A dicembre, tutti i Natali

si ricevono dei regali.

Dentro pacchi colorati

ci son treni telecomandati,

dinosauri, macchinine,

motoscafi e bamboline.

 

A Natale Luca e Ale

vogliono un regalo speciale.

Lo vuole anche Riccardo

e lo vuole Edoardo.

Il regalo è troppo bello,

lo vuole anche suo fratello,

poi arriva il vecchio zio:

«Me lo prendo tutto io!»

 

C'è un gatto

un po' matto

con un cappello

un po' bello

e con un albero di Natale

a forma di stivale.

Il gatto dentro ci cade

e lo stivale va per le strade.

280. Che strano tempo!

Una nuvola è piena di gocce

che cadono sopra le rocce.

L'arcobaleno ha sette colori

come i petali dei fiori.

Il sole è caldo e giallo

come le piume del gallo.

Batte forte il sole

sopra i tetti delle scuole.

I bimbi hanno voglia di uscire,

la Natura voglion scoprire.

I bambini son felici

e si fanno tanti amici.

 

Le nuvole sono bianche e blu

come un gufo che fa cucù.

Dalle nuvole cade la neve

che danza lieve lieve.

La neve è soffice come un piumino

che tiene al caldo un bambino.

Dal cielo scende la neve

e un cane, assetato, la beve.

 

Lunedì le stelle d'oro

giocano tra di loro.

La luna dorme di notte:

chi la sveglia prende le botte.

Martedì ci son le nuvolette:

ne abbiam viste sei o sette.

Mercoledì l'arcobaleno

splende nel cielo sereno.

Giovedì piove a dirotto:

noi contiamo fino a otto.

Venerdì il vento c'è:

a casa beviamo un tè.

 

Il sole e la luna nel cielo

illuminano il pero ed il melo.

Il cielo è un po' azzurro e un po' blu:

le stelle brillano lassù.

Se gli alberi sono asciutti

non possono fare frutti.

Gli alberi tutti bagnati

son molto avvantaggiati.